Attenzione: Email truffa domini Cinesi

Da diversi anni circolano email inviate dalla Cina da sedicenti provider locali che minacciano di registrare domini internet asiatici con marchi riferibili al destinatario. Vediamole in dettaglio.

  •  Dominiando

Attenzione: Email truffa domini Cinesi

Lo SPAM è sempre stato una piaga di Internet e, pur adottando le soluzioni più complesse, non è possibile arginare il problema in toto, motivo per cui vi sarete trovati o forse un giorno vi troverete a ricevere email simili a quelle che descriviamo sotto che può essere definita più propriamente SCAM. E’ bene quindi essere informati su che cosa si tratta e muoversi di conseguenza al fine di non commettere errori e mettere in sicurezza il proprio nome.


Di cosa stiamo parlando esattamente?

Accade da diversi anni che dei soggetti non meglio identificati ma che si presentano come autorevoli provider asiatici, inviano email a detentori di marchi e/o di siti più o meno importanti millantando il fatto che un loro fantomatico cliente gli avrebbe commissionato la registrazione di più domini che fanno riferimento ad un marchio su cui il destinatario vanta qualche diritto e quindi gli proporrebbero la registrazione con prelazione in modo da tutelare il nome nel territorio asiatico nel caso il destinatario confermasse la volontà di registrazione entro e non oltre qualche giorno dal ricevimento dell’email.

In caso contrario invece procederebbero con la registrazione dei domini assegnandoli al loro cliente e di conseguenza sottraendoli alla disponibilità futura del reale detentore dei diritti sul marchio.


Quello che dicono è vero o è una truffa?

No, quello che viene riportato in quelle email è categoricamente falso! Nessuno gli ha richiesto di registrare alcun dominio e di certo non hanno a cuore il problema della difesa del vostro marchio.

L’obiettivo di questa email è solamente quello di terrorizzare il destinatario che, in preda alla minaccia della perdita di disponibilità del proprio marchio in un territorio che ha fama di clonare marchi stranieri di successo, risponderà richiedendo di registrare i domini a proprio nome, costi quel che costi, pur di bloccare il torto che sta per subire.


Come fanno ad avere le informazioni sul mio nome/marchio?

Di certo non sono degli sprovveduti e sanno bene come muoversi ed individuare il target più adeguato per i loro tentativi di truffa e per di più nella rete è molto facile trovare i dati su archivi pubblici.

Le fonti più utilizzate da questi signori per individuare i destinatari di queste email tramite software che scansionano in automatico la rete sono le seguenti:

  • Database pubblici di marchi registrati (Es. Oami e WIPO)
  • Whois pubblici dei domini in associazione al numero di domini intercettabili registrati e alla notorietà dei siti in questione
  • Sito internet pubblicato sui domini aziendali

Senza affannarsi troppo è infatti possibile sapere quanto è importante e/o visitato un sito e trovare l’email o le email associate al dominio su cui risiede e solo da queste informazioni è già possibile inviare una email di quel tipo variando talvolta il testo e/o i soggetti a cui si fa riferimento.


Mi devo preoccupare veramente?

Qui la risposta non può essere categorica come sopra poiché le azioni effettive che intraprenderanno questi soggetti non possiamo saperle con certezza, ma quella che possiamo elaborare come Dominiando.it è una casistica di quello che è successo in passato a centinaia di clienti che ci hanno segnalato in passato il problema.

Fino a circa il 2005 capitava sporadicamente che alcune di queste minacce venissero effettivamente attuate e che quindi i clienti si ritrovassero registrati dei domini .cn, .tw , etc. . Da quella data in poi non abbiamo più avuto alcuna segnalazione di questo tipo ed è quindi plausibile ipotizzare che abbiano cambiato strategia poiché quella precedente era diventata troppo costosa.

Stiamo parlando infatti di centinaia di migliaia di email che vengono inviate a destinatari di tutto il mondo e di domini che hanno un costo considerevole se moltiplicato per quelle cifre.

Ci sentiamo quindi di poter affermare con buona approssimazione che non bisogna preoccuparsi più di tanto del problema e indichiamo sotto dei consigli su come muoversi se questa email vi ha invece preoccupato.


Cosa devo fare ora con questa email?

Per quanto riguarda specificamente l’email ricevuta è importantissimo NON RISPONDERE ! La risposta potrebbe essere interpretata come manifestazione di interesse e come segnale che il destinatario soffra il problema ed è quindi potenzialmente più ricattabile rispetto ad altri che non hanno proprio risposto all’email.

Per lo stesso motivo non bisogna cliccare su alcun link riportato nell’email poiché potrebbe nascondere un ID di tracking e quindi il mittente potrebbe essere messo a conoscenza del fatto che il destinatario X è andato oltre la semplice lettura dell’email, utilizzando questa informazione aggiuntiva esattamente come sopra.


E per quanto riguarda i domini come devo muovermi?

Per quanto riguarda invece la registrazione dei domini e la protezione del proprio marchio è importante comunque valutare il problema e il danno che un potenziale Cybersquatter potrebbe arrecare al proprio marchio qualora dovesse registrare quella tipologia di domini.

In particolare va quindi stabilito – a prescindere dall’email che si è ricevuta – quanto sono importanti per il nome o marchio che si vuole difendere e quindi impostare una strategia di registrazione difensiva dei domini più sensibili per la propria attività.

Una panoramica dei domini Asiatici è possibile averla andando sulla pagina dei domini relativi ad Asia e Oceania del sito Dominiando.it il cui staff è sempre disponibile per chiarire ogni problematica relativa alla gestione e protezione dei nomi a dominio di ogni paese del mondo.

Lista domini internet nei territori Asia e Oceania



Primo esempio di email truffa domini cinesi o asiatici in generale:

(Letter to the President or Brand Owner, thanks)

Dear President,

We are the department of Asian Domain Registration Service in China. I have something to confirm with you. We formally received an application on November 19, 2012 that a company which self-styled "AUP CN Investment Ltd" were applying to register "dominiando" as their Net Brand and some domain names through our firm.

Now we are handling this registration, and after our initial checking, we found the name were similar to your company's, so we need to check with you whether your company has authorized that company to register these names.

If you authorized this, we will finish the registration at once. If you did not authorize, please let us know within 7 workdays, so that we will handle this issue better.

Out of the time limit we will unconditionally finish the registration for "AUP CN Investment Ltd".Looking forward to your prompt reply.

Best Regards,
Bill Liu

Tel:+86-551-123456 || Fax:+86-551-123456
Address:No.99 JiuHuaShan Road,Hefei,Anhui,China

Secondo esempio di email truffa domini cinesi o asiatici in generale:

To whom it may concern: 2009-6-19

We are a domain name registration service company in Asia,

Last week we received a formal application submited by Justin Lin who wanted to use the keyword "DOMINIANDO" to register the Internet Brand and with suffix such as .cn /.com.cn /.net.cn/.hk/ .asia/ domain names.

After our initial examination, we found that these domain names to be applied for registration are same as your domain name and trademark. We aren’t sure whether you have any relation with him.

Because these domain names would produce possible dispute, now we have hold down his registration, but if we do not get your company’s an reply in the next 5 working days, we will approve his company's application

In order to handle this issue better, Please contact us by Fax ,Telephone or Email as soon as possible.

Yours sincerely

Tina
Checking Department
Tel: 86 513 1234 5678
Fax: 86 513 2345 6789
Email:Tina@fasdasdfasfsa.com Website: www.fasdasdfasfsa.com
Mail No.:587458X

Le novità da Dominiando

VUOI RIMANERE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITÀ DI DOMINIANDO?

Iscriviti ora alla nostra newsletter!